LA SOCIETA ITALIANA DI ADOLESCENTOLOGIA E MEDICINA DI ADOLESCENZA SI DISSOCIA DALLA POLITICA SANITARIA GOVERNATIVA IN MATERIA DI COVID

 

Il Dipartimento di adolescentologia e di Medicina dell’adolescenza  dell’Università Ambrosiana (DIPADO) e Società Italiana di Adolescentologia e medicina dell’adolescenza (nata nel 1992) si dissociano dalla politica sanitaria governativa in materia di induzione della vaccinazione degli adolescenti e condanna la posizione assunta dalla Società Italiana di pediatria e dalla Società Italiana di Medicina dell’adolescenza considerandola senza basi scientifiche.

Non c’è infatti alcun dato epidemiologico che giustifichi la vaccinazione degli adolescenti che sono protetti dall’immunità naturale e dalla conformazione fisiologica delle mebrane cellulari che non alterano la trasduzione del segnale immunitario come gli anziani.

La modificazione epigenetica nota dal 2019  ed epistrascrittomica  delle cellule  causata di vaccini m RNA e la probabile modificazione del DNA indotta dai vaccini a vettore virale  (Adenovirus) nota  da tempo ma  ignota all’AIFA, al  Ministero della sanità, all’Istituto Superiore della sanità, ai luminari della SIP e della SIMA,  pone drammatici interrogativi sugli effetti dei vaccini sugli adolescenti e la popolazione.

La modificazione epigenetica delle cellule del sistema nervoso potrebbero indurre malattie neurologiche e modificazioni psicologiche e del comportamento, olte all’induzione di tumori.

Ricerche epidemiologiche sugli effetti dei vaccini sono inderogabili .

Il Dipartimento di Adolescentologia dell’ Università Ambrosiana e la SIAd, sono in armonia con le dichiarazioni in materia del premio Nobel della medicina prof. Luc Montagner e con i risultati della ricerca teoretica del prof. Giuseppe R.Brera, pubblicati sul  primo trattato edito dall’Università Ambrosiana e distribuito negli USA e in UK  e in Italia dal dipartmeto editoriale dell’Unversità Ambrosiana:

In altri paesi i governi  come l’UK  e solo attualmente gli USA, con cambiamento di politica non hanno consentito a vaccinazione degli adolescenti.

Tre adolescenti – segnalati, ma potrebbero essere molto di più come negli USA (segnalati 14)- sarebbero ancora vivi se una scellearata campagna provaccinale per gli adolescenti  sostenuta da dichiarazioni false come quelle del 20 Luglio del Ministro della Sanità Speranza ” tutti gli scienziati sono d’accordo per le vaccinazione in ogni età”  o quelle del presidente del CTS locatelli “non vi sono effetti avversi”  non fosse stata condotta .

Sarebbe opportuno che chi ha il potere sanitario anche d’influenza, studiasse, se ne ha le competenze e capacità.

Questo è impossibile per il Ministro della sanità Speranza che dovebbe dare immediatamente le dimissioni.

la Redazione

 

 

 

 

 

How useful was this post?

Click on a star to rate it!

Average rating 0 / 5. Vote count: 0

No votes so far! Be the first to rate this post.

As you found this post useful...

Follow us on social media!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.